Breve trattato sul trattamento della febbre

A proposito del trattamento della febbre. Molti credono di conoscere la febbre e di sapere quali sono le azioni corrette per gestirla… ma la verità è che, se andiamo ad indagare, la maggior parte delle persone sbaglia approccio, sia con sé stessa che con i propri figli o anziani ai quali presta cura. La febbre, anziché un’alleata del nostro organismo (in quanto ha il compito di “bruciare” batteri e virus, contribuendo a debellare l’infezione in corso) viene considerata una nemica da combattere…e da annientare ai primi segni di innalzamento della temperatura. Come? Attraverso il farmaco chimico, prima tra tutti la famosa Tachipirina® (Paracetamolo) o il Nurofen (Ibruprofene) che, come è stato visto in altri articoli, sono toxicants, ovvero molecole tossiche estranee alla Natura del nostro organismo e che intossicano parti Vitali come fegato e reni… e lasciano il Segno! I genitori sono la “categoria” più avvezza a questi farmaci: si conoscono poche persone che non hanno ceduto a dare almeno qualche volta nella vita al proprio figlio “il famoso sciroppo” ai primi segni di febbre, perché prese dall’ansia e dal timore che il bambino stia male e peggiori (molti chiedono subito l’antibiotico, convinti che serva ad abbassare la temperatura!). si ritiene comprensibile che non sia bello vedere il proprio figlio stare male, tuttavia se la situazione è sotto controllo -cioè se il bambino non dà segni di malessere accentuato o è troppo sonnolento, e se addirittura la sua energia appare immutata- può essere eccessivo e avventato somministrare subito i farmaci. Inoltre, in una normale febbre (e questo sia in adulti che in bambini) è peggio aggredirla con i farmaci che con rimedi naturali, perché il blocco della febbre indebolisce sempre la persona e facilita la ricaduta, mentre la cura naturale stimola le difese immunitarie, dà tempo all’organismo di riconoscere e fare anticorpi contro il germe… e per questo è poi molto più difficile riammalarsi.

 

Quindi, rimedi omeopatici per la febbre:

  • e Pir D3 Ped flaconi, tre volte al giorno, fino a sfebbramento.
  • Se il bambino è più grande (6-8 anni), fumenta con zenzero fresco tritato e attendere due/tre giorni la benefica reazione della Vis Medicatrix Naturea che abbiamo sollecitato con i nostri rimedi naturali (Lattoferrina, Resveratrolo, Lisozima, Quercetina, Propoli, Vitamine C e D e Probiotico per il nostro microbioma intestinale, che è il cervello di tutta l’operazione di difesa e contrasto al virus).

 

 

Dott. Carlo Tonarelli

Medico Omeopata

Potrebbe interessarti anche
Tags: farmaci, febbre, omeopatia, pediatria

Altri Post simili